Si è verificato un errore nel gadget

Lhasa da Sola

I-pod in fondo alla pagina.





lunedì 7 febbraio 2011

Strativari

Che il momento in cui poi ti alzi per andare a lavoro
è una separazione concreta, come mi togliessero
buccia, capelli, o la pelle secca dell'abbronzatura.

10 commenti:

  1. E vero, io mi sento una patata. Nuda e pronta per essere fritta!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. E' un pò come uscire (tutte le mattine) dall'utero materno, distacco embrionale da spavento! :)

    RispondiElimina
  3. come la colla vinavil sulle dita.

    RispondiElimina
  4. @maraptica:sai che pensavo proprio al parto mentre scrivevo? sarà che prendo e ..parto;)

    RispondiElimina
  5. sei l'unica delle poche persone dalle quali contrarrei controvoglia la candida

    RispondiElimina
  6. Dovrebbero fà 'na cosa tipo il flit per i blogger, sai quanto fastidio in meno?

    il titolo mi piace assai :)

    RispondiElimina
  7. Al part...ire non si dice mai di no ;)

    RispondiElimina
  8. http://ferroviedellostatoreclami.blogspot.com/2011/02/insegnare-rantoli-libidinosi-piccoli_12.html

    se non dovete inferiorizzare sandra bullock nei vostri cineforum su tarkovsky per sentirvi diversi da quello che siete veramente, ovvero dirigenti di filiali vallesprughen.

    RispondiElimina
  9. Ciao, si vero. A questo punto non bisognerebbe andare a letto..... Nooo cosa dico???!! non bisognerebbe andare a lavorare!!

    RispondiElimina