Si è verificato un errore nel gadget

Lhasa da Sola

I-pod in fondo alla pagina.





venerdì 22 ottobre 2010

Chiamal'arancia

Siamo arrotolati sotto ad una coperta rossa e lui mi sfila i pantaloni.
Non per fare l'amore, è solo tardi,
non riesco neanche a disincastrare le gambe.
Lo chiedo piano, me li togli i pantaloni?
E iniziamo a muoverci insieme per cacciarli giù e non perdere calore.
Quella mano senza intenzione, che mi accarezza e spoglia come un'arancia,
che abbassa lentissimamente un pigiama fragola,
Quella mano leggera, che fa macedonie di me.

12 commenti:

  1. Arancia non meccanica.
    G.

    RispondiElimina
  2. ottima metafora fruttosa

    e geniale il titolo del tuo blog, corpo di mille balere :D

    RispondiElimina
  3. @ Marco: Grazie, saran contente le balere:)

    RispondiElimina
  4. io ho cercato di portarmi avant e facilitare il compito, senza pigiama.
    ma non succede niente :D

    RispondiElimina
  5. Davvero molto bello. Il cibo si presta a tutto, soprattutto alla sensualità. Ma bisogna esser bravi con le parole, proprio come te. Un saluto

    RispondiElimina
  6. Ho sempre detto io che la frutta fa bene :-D
    Blog molto carino...Ti seguo...Bye

    RispondiElimina
  7. @Only me: insomma nessun risultato fruttuoso?

    @Maraptica @EvaQ.: Molte grazie, ma molte molte grazie:).

    Lhasa

    RispondiElimina
  8. (ancora presto per pensare di non averne di rimorsi)

    RispondiElimina
  9. Tu scrivi divinamente.
    Nient'altro.

    RispondiElimina
  10. Blog veramente carino...complimenti..le parole che hai usato...sono riuscite ad esprimere tutto

    RispondiElimina