Si è verificato un errore nel gadget

Lhasa da Sola

I-pod in fondo alla pagina.





martedì 1 marzo 2011

Transgendarmi

Ti ho sognato diverso, un po' posseduto,
un po' annerito.
Zoppo, vecchio e spietato,
parlavi per frasi brevi, gli occhi gravi.
Ti appoggiavi ad un treppiedi
(il treppiedi mi spaventava moltissimo)
ed ogni passo mosso tradiva la sufficenza
che mi riservavi.

Eri duro e solido,
ed ho pensato che ti avrei amato anche così,
che mi veniva dalla pancia questa dedizione
della fine.
Allora ti ho chiesto di prendermi e farmi l'amore,
mi hai rovesciato la testa a lato
e mi sono innamorata della tua mano adulta e ferma.

Io ti amo per il tuo nome,
anche se diventasse spietato e zoppo,
io ti amo per quella elle
incastrata tra due i,
ili, che
sembra un uomo
in mezzo ai gendarmi.

5 commenti:

  1. I treppiedi spaventano, sì sì

    RispondiElimina
  2. Io ti amo per il tuo nome
    anche se diventasse spietato e zoppo

    Ragazza, questa frase vale il blog!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. che bella questa cosa della l in mezzo ai gendarmi! Viva le elle libere!!!!!!

    maria

    RispondiElimina
  5. Bhe, inizio con un grazie.
    Stasera ho deciso di navigare su vari blog, scoprire cose nuove. E, scusatemi tutti, ma ho letto cose aberranti, non solo banalità, ma pure scritte male, con errori grammaticali sintattici, morfologici. Una pena. Una vergogna. Non che io sia la Petrarca del 2011, ma si so che anche se non dico nulla di nuovo, lo dico diversamente. Con il sangue e le unghie e ci metto gli ormoni ed i polmoni..
    E poi ho letto questo post, e wow, finalmente!
    Qualcuno che ha qualcosa da dire e lo sa fare bene!!

    RispondiElimina